CASTEDDU MON AMOUR

Gli affezionati del Marina Cafè Noir hanno tremato quando a fine estate si è vociferato che quest'anno la scarsità di finanziamenti avrebbe impedito lo svolgimento della dedima edizione del festival di letterature applicate. Ora, con qualche mese di ritardo, si può annunciare la celebrazione del decimo compleanno dell'appuntamento cagliaritano che quest'anno prende il nome di "Casteddu Mon Amour".
DOVE: Cagliari
QUANDO: dal 13 al 16 dicembre 2012
INFO: http://www.marinacafenoir.it/

AD MAIORA!

ANTI MAP FESTIVAL

ANTI MAP FESTIVAL: il nome è originale e misterioso e in effetti di questo primo festival dedicato agli spazi urbani si sa ancora poco, però fa già parlare di sè suscitando molto interesse.
Sappiamo che è organizzato dall'associazione Formati Sensibili e che proporrà alla città di Cagliari una riflessione sugli spazi urbani tramite laboratori, mostre, spettacoli.
Il festival si svolgerà nel capoluogo sardo dal 13 al 22 dicembre e domani 11 dicembre alle ore 11 si terrà presso la MEM (via Mameli 164) la conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa.
Sul sito dedicato all'evento, http://antimapfestival.wordpress.com/, è già possibile consultare il programma e prenotarsi per partecipare ai laboratori.
Di AntiMap festival esiste una interessante applicazione gratuita per smartphone, AntimApp, disponibile per iphone e Android,

che permetterà ai cittadini di poter ripensare in modo critico la città.Il menù dell’App è composto da diverse aree. In un’area dedicata della App i partecipanti saranno chiamati a rispondere a dieci domande su altrettanti nodi tematici intorno ai quali si articolano le principali funzioni vitali di Cagliari, ovvero: Acqua, Mobilità, Energia, Ambiente, Corpo, Rifiuti, Comunicazione, Autorità, Culto, Conoscenza. I questiti saranno tesi a indagare l’esperienza soggettiva dello spazio urbano di Cagliari. Grazie a questa survey sarà possibile ricostruire una mappa emozionale della Città e raccogliere dati da condividere con gli altri visitatori del festival. In un’ altra verranno visualizzati graficamente l’andamento delle risposte di tutti gli utenti. In questo modo AntimAPP si proporrà anche come strumento di dialogo fra il cittadino e il tessuto urbano, secondo una lettura e un approccio diversi su come ci si interroga e su come si può ripensare e vivere lo spazio urbano.
AntimApp si può scaricare direttamente sul Apple Store o Google Play.


Anti Map Festival

DOVE: Cagliari 
QUANDO: dal 13 al 22 dicembre 2012
INFO:
[info line]+ +39 3888463520
[email] antimapfest@gmail.com
[Ufficio Stampa]: ufficiostampa@formatisensibili.it
Formati Sensibili – art&science mashups
[web] www.formatisensibili.it
[mail] info@formatisensibili.it
[social] facebook.com/FormatiSensibili
Progetto: Formati Sensibili
Direzione artistica: Alessandro Carboni
Organizzazione: Serena Vincenzi
Tecnica: Fabio Atzeni
Assistenza e supporto:  Alessandro Chessa, Maria Paola Crisponi, Paola Pinna, Cristina Gervasi
Ufficio stampa: Simona Pinna

AD MAIORA!

L'INVENTORE DELLA LUCE

Lo vedo tra gli scaffali della biblioteca; il titolo è accattivante (anche se quello inglese, The invention of Everything Else, è migliore), la copertina sembra nascondere un mistero, con quella figura maschile di spalle che si allontana verso l'ignoto con un cielo di sfondo affollato da uno stormo di uccelli. 
Il risvolto recita: "Samantha Hunt ci regala un romanzo capace di indagare l’impossibile alchimia tra scienza e creatività, desiderio e destino; un libro dall’incanto sottile e struggente che ha emozionato critica e pubblico negli Stati Uniti." 
Difficile resistere alla curiosità suscitata da tali premesse, quindi decido di richiederne il prestito dedicandomi subito alla lettura. 
Il primo impatto disorienta: scrittura disordinata, personaggi stravaganti, trama che fatica a prendere una direzione precisa. 
Però, la vita di Nikola Tesla, scienziato e inventore serbo vissuto tra la fine dell'800 e l'inizio del secolo scorso a cui il romanzo è dedicato, è talmente avvincente da motivarmi ad arrivare fino alla fine e ne vale la pena, perchè da metà romanzo e poi fino alla fine l'intreccio diventa sempre più incalzante e cattura il lettore riga dopo riga.
L'autrice ha svolto approfondite ricerche sulla vita di Tesla approdando a conclusioni non sempre del tutto veritiere. 
Che Tesla abbia inventato l'elettricità mi sembra un'affermazione azzardata e storicamente scorretta. Sarebbe più appropriato dire che l'invenzione dell'elettricità è il frutto di un processo collettivo che affonda le sue radici nell'antica Grecia con le prime osservazioni sulle proprietà di elettrizzazione dell'ambra per strofinamento e che si è avvalsa, nel corso dei secoli, del contributo intellettuale di numerosi scienziati come Gilbert, Franklin, Galvani, Volta, Edison, solo per citarne alcuni.
Tra questi senza dubbio Tesla ha svolto un ruolo importantissimo nel campo dell'elettricità e in particolare della corrente continua senza avere, in vita, il riconoscimento che avrebbe meritato, probabilmente anche a causa del suo carattere schivo e originale. L'originalità dello scienziato serbo deve aver costituito un richiamo irresistibile anche per l'autrice che dichiara: "Mi sono chiesta come mai non c'è qualcuno come Tesla, oggi: dove sono finiti gli inventori-artisti come lui? Mi piacerebbe che questo libro stimolasse una nuova generazione di inventori dilettanti, che si considerino anche artisti". Ebbene se qualcuno leggendo questo libro avrà il desiderio, almeno per un momento, di diventare un geniale inventore, Samantha Hunt avrà raggiunto il suo scopo.
A me è successo! 

L'INVENTORE DELLA LUCE

Samantha Hunt
Collana : PERIELI  - narrativa -
pagine: 272
ISBN 978-88-7520-158-6

tradotto da Simona Sollai

prezzo € 15,00


ALET edizioni


Buona lettura e ...AD MAIORA!

Alif أَلِفْ Cinema d’autore dal Medio Oriente

Tempo fa vi avevo parlato, tramite le pagine della rivista Nuok.it, della vocazione della biblioteca del mediterraneo MEM di Cagliari di unire le culture del mediterraneo.
La rassegna cinematografica che inizia oggi si inserisce in questo contesto con il seguente programma:

Alif أَلِفْ
 Cinema d’autore dal Medio Oriente
dal 29 novembre al 14 dicembre 2012
Società Umanitaria - Cineteca Sarda, viale Trieste 126, Cagliari
      Giovedì 29 novembre h. 18,00
About Elly di Asghar Farhady, Iran 2009, 119’
L'iraniano Ahmad vive in Germania ed è stato sposato ad una donna tedesca. Per le vacanze decide di tornare nel suo paese dopo tanti anni di assenza. I suoi amici organizzano per lui una gita sul Mar Caspio e nell'occasione invitano anche Elly, una giovane insegnante d'asilo nubile, che potrebbe interessare ad Ahmad desideroso di rifarsi una vita con una donna iraniana. Tutto sembra andare bene e la compagnia passa dei giorni spensierati in allegria finché, all'improvviso, Elly scompare misteriosamente...

  Mercoledì 5 dicembre h. 18,00
Lila dice di Ziad Doueiri, Francia 2004, 87’
Chimo è un giovane diciannovenne di origini magrebine che vive nel degrado della periferia parigina. Un giorno conosce una bellissima ragazza con il volto di un angelo: Lila. A dispetto della sua apparenza innocente, Lila è invece una ragazza disinibita e seduce Chimo  e lo trascina nelle proprie erotiche fantasie. Lila dit ça è il nome del diario ... [continua a leggere]che nasce dalle trascrizioni dei racconti di Lila, che Chimo riporta fedelmente incontro dopo incontro

Venerdì 7 dicembre h. 18,00
La donna che canta di Denis Villeneuve, Canada 2010, 130’
Alla morte della madre Nawal, i gemelli Jeanne e Simon Marwan vengono convocati dal notaio Lebel per la lettura del testamento. Lebel, oltre a comunicare loro le ultime volontà di Nawal, consegna ai fratelli anche due lettere, una indirizzata a un padre che credevano morto e l'altra a un fratello di cui ignoravano l'esistenza. Dopo lo shock iniziale Jeanne e Simon partiranno alla volta del Medio Oriente per scoprire il passato della loro famiglia, di cui in realtà non sanno quasi nulla..

Giovedì 13 dicembre h. 18,00
E ora dove andiamo? di Nadine Labaki, Francia/Libano/Egitto/Italia 2011, 100’
In un isolato villaggio libanese dove cristiani e musulmani convivono pacificamente, un gruppo di donne è determinato a proteggere la comunità disinnescando le improvvise tensioni interreligiose istigate da forze esterne al villaggio.

Venerdì 14 dicembre h. 18,00
Una separazione di Asghar Farhadi, Iran 2011, 123’
Simin vuole lasciare l'Iran con il marito Nader e la figlia Termeh. Nader, però, si rifiuta di lasciare il padre malato di Alzheimer così Simil è costretta a chiedere il divorzio e a tornare a vivere con i suoi genitori. Termeh sceglie invece di rimanere col padre, il quale ingaggia una giovane donna, Razieh, che si prenda cura del padre malato. Fra incomprensioni, equivoci e assurdi eventi si consuma il dramma di una famiglia in bilico.
INGRESSO GRATUITO
AD MAIORA!

Una brutta storia

Del libro "Una brutta storia" esiste un lungo elenco di recensioni che lo descrivono con toni entusiastici.
Per citarne alcune:
Una brutta storia; un dramma poliziesco al quale è impossibile rimanere indifferenti ( Mauxa - 11 maggio 2012)
Una brutta storia, eccezionale noir scaccia-sonno
(Vanity Fair - 08 giugno 2012)
         Cattivi con e senza distintivo. E' davvero una brutta storia
          (Il Sole 24 Ore - 30 agosto 2012)
In effetti la scrittura pulita e la trama politicamente scorretta e mai scontata con la quale Piergiorgio Pulixi intrattiene i lettori sono un ottimo inizio per questo scrittore al suo primo romanzo lungo.
L'incipit è di forte impatto con il protagonista, bambino, che impavido affronta le angherie di alcuni ragazzi più grandi. In quelle poche righe sono riassunte alcune caratteristiche peculiari del personaggio principale, Biagio Mazzeo, come la capacità di rovesciare con freddezza e prontezza situazioni di svantaggio e pericolo.
Tratti caratteriali che gli saranno utili in varie occasioni soprattutto quando incontrerà sulla sua strada Sergej Ivankov, un filosofo ceceno deciso a vendicare la morte del fratello.
Dimenticate finali consolatori che segnano il confine tra buoni e cattivi.
A fugare qualsiasi dubbio ci pensa la copertina (azzecatissima) disegnata dall'illustratore Luca Laurenti:
A volergli trovare qualche difetto, si potrebbe dire che troppi dettagli con il quale lo scritture si dilunga, rischiano di spezzare il ritmo del racconto e anzichè conferergli maggiore veridicità appensantiscono il romanzo rischiando di rendere inverosimili la descrizione di alcuni episodi e grotteschi certi personaggi.
Nel complesso il libro si legge con grande scorrevolezza e il finale aperto ci preannuncia che sentiremo ancora parlare di Biagio Mazzeo e della sua banda.
"Una brutta storia" è pubblicato dalla casa editrice E/O nella collana Sabot/age diretta dallo scrittore Massimo Carlotto .

Del romanzo esiste un'interessante colonna sonora che può accompagnare piacevolmente la lettura e tenere compagnia in attesa del seguito di "Una brutta storia".

AD MAIORA!

Britishness in Sardinia XXV Edizione

Tre incontri, uno dei più accoglienti caffè cittadini, il ManaManà, un quartiere, quello di Marina, da sempre crocevia di culture e di cittadini provenienti da ogni parte del mondo.
Sono queste le premesse della XXV edizione di Britishness in Sardinia, organizzato dall'associazione culturale Italia-Inghilterra in collaborazione con il circolo di lettori Miele Amaro.
Tre appuntamenti che prenderanno il via venerdì 23 novembre alle 18:30 con la presentazione del saggio
"Serialised Gender. A linguistic Analysis of Femininities in Contermporary TV Series and Media", ECIG Edizioni.
Interviene l'autrice Daniela Virdis, Università di Cagliari.
Le serie televisive Sex and the City, Desperate Housewives, The Simpson, ma anche il film When Harry met Sally ed il romanzo Bridget Jones's Diary sono le opere analizzate da Daniela Virdis in questo saggio dove, con arguzia e precisione dà conto di come sia cambiato il linguaggio usato da e nei confronti delle donne negli ultimi 30 anni. Nel corso dell'incontro Daniela Virdis, con l'ausilio di diapositive e filmati, ci illustrerà con ironia i risultati della sua ricerca.
Seguirà "Cena con l'autore" al prezzo convenzionato di Euro 25,00 a persona per una cena di tre portate, vino della casa, caffè e mirtino compreso. E' gradita la prenotazione per la cena, mentre per seguire la presentazione non è necessaria.
Si proseguirà martedì 27 novembre sempre alle 18:30 con "Amber e Jess", programma televisivo, in onda su TCS il mercoledì alle 18:30 e poi in replica il giovedì alle 20, il venerdì alle 18:30 e il sabato alle 19.
La trasmisssione è ideata, realizzata e diretta da Jason Morgan, attore londinese, attualmente residente in Sardegna. 
All'incontro, in lingua inglese, saranno presenti Jason Morgan e tutto lo staff del programma.

Per concludere, martedì 11 dicembre alle 18 verrà presentata un'opera multilingue molto interessante:
"Vocabulary/Vocabolario/Bocabolariu" - Edizioni Il Popolo Sardo, 2012 di Thomas Galdy.
Si tratta di un agile glossario composto da 3.500 parole scelte fra quelle di maggiore uso nelle tre lingue. Contiene inoltre un pratico almanacco sui molteplici aspetti della cultura sarda, assai utile per rendere in inglese concetti ascrivibili alla nostra isola.
Nel corso dell'incontro Thomas Galdy racconterà i principi utilizzati nello scrivere il vocabolario in questione.

DOVE: Cafè ManaManà - Piazza Savoia – Cagliari
ingresso libero

Per informazioni: Associazione culturale Italia-Inghilterra
Via Machiavelli 97 – Cagliari
Tel: 070/402835
e-mail: italiainghilterra@tiscali.it

AD MAIORA!

Dall'ambra all'elettrone

Imparare divertendosi è uno dei metodi più efficaci per apprendere.
Se poi a dirigere il gioco c'è il professor Häusermann, lo spettacolo è assicurato.
Quale miglior modo di inaugurare il Festival della scienza di Cagliari?
Il professor Häusermann con i suoi modi affabili da vero one man show ha conquistato il pubblico presente allo spettacolo, costituito da adulti e bambini divertiti e interessati dagli anedotti, esperimenti e improvvisazioni, a volte volutamente stravaganti, messe in scena dal "professattore", consentitemi il neologismo.
video

Per continuare a giocare e imparare con i quesiti e le lezioni del professor Häusermann vi rimando al sito web della trasmissione televisiva "Colazione con Peo" della TV svizzera RSI La1, dove lo scienzato cura una rubrica scientifica per bambini ( e per gli adulti che non hanno mai smesso di essere curiosi come bambini!).
Il Festival della scienza di Cagliari prosegue fino a domenica con un programma denso di appuntamenti.
Non perdeteli!

AD MAIORA!

(NON) LAVORARE STANCA

Vi avevo già preannunciato che novembre sarebbe stato un mese denso di appuntamenti per la città di Cagliari.
All'elenco di eventi segnalati nel post precedente, vi segnalo un'interessante iniziativa organizzata da Laboratorio 28.
Si tratta di una rassegna cinematografica dal titolo molto eloquente: (NON) LAVORARE STANCA.
Le proiezioni avranno inizio martedì 6 novembre e proseguiranno fino al 19 febbraio del prossimo anno con titoli molto noti ("La scuola", "Tutta la vita davanti", "La classe operaia va in paradiso") e meno noti che spaziano nel panorama europeo.
Questo il programma:

6 novembre 2012
La scuola
di Daniele Luchetti
Italia 1995, 104'

13 novembre 2012
La classe – Entre le murs
di Laurent Cantet
Francia 2008, 128'

20 novembre
L'onda
di Dennis Gansel
Germania 2008, 102'

27 novembre
La balia*
di Marco Bellocchio
Italia 1999, 106'

30 novembre 2012
Hanna e Violka*
di Rossella Piccinno
Italia 2009, 56'

7 dicembre 2012
La classe operaia va in paradiso
di Elio Petri
Italia 1972, 125'

11 dicembre 2012
SignorinaEffe
di Wilma Labate
Italia 2007, 95'

18 dicembre 2012
RCL – Ridotte capacità lavorative
di Massimiliano Carboni
Italia 2010, 72'

8 gennaio 2013
OIL
di Massimiliano Mazzotta
Italia 2009, 77'

15 gennaio 2013
Cattedrali di sabbia
di Paolo Carboni
Italia 2010, 60'

22 gennaio 2013

I lunedì al sole
di Fernando Leòn de Aranoa
Sp-Fr-It 2002, 115'

29 gennaio 2013
Tutta la vita davanti
di Paolo Virzì
Italia 2008, 117'

5 febbraio 2013
Louise Michel
di Benoit Delépine e Gustav de Kervern
Francia 2008, 90'

12 febbraio 2013
Wall Street. Il denaro non dorme mai
di Oliver Stone
Usa 2010, 133'

19 febbraio 2013
Capitalism. A love story
di Michael Moore
USA 2009, 127'

Ingresso libero con tessera annuale del Circolo del Cinema Laboratorio 28 (costo tessera 5 euro).
Ad ogni proiezione seguirà la discussione del film.
* Le proiezioni dei film "La balia" e "Hanna e Violka" sono organizzate in collaborazione con l'Associazione Terra Onlus all'interno del progetto "Dalle balie alle badanti. Viaggio per immagini nelle migrazioni femminili".


QUANDO: Cagliari, 6 novembre 2012-19 febbraio 2013

DOVE: Via Montesanto 28, ore 20.30
 
AD MAIORA!
Quello che è appena iniziato sarà un mese all'insegna della cultura spaziando dalla musica al cinema, dal teatro alla scienza.
Comincio subito con segnalarvi la rassegna SPAZIO MUSICA WINTER 2012 che propone, fino al 15 dicembre, una serie di concerti all'insegna dei "suoni delle diversità".
Il Centro culturale Il Ghetto sarà il palcoscenico degli appuntamenti di novembre con inizio alle 21 e ingresso gratuito.
Ecco il programma:

VENERDI' 2

 Death in Death Valley

Olivier Dumont (guitares préparées) / Nicolas Thirion (ordinateur)

SABATO 3


Nadejda Tzanova, pianoforte

Modest Mussorgsky, Quadri di una esposizione
Alfred SchinntkePrelude and fuga I, II
Dimitri Schostakovic, Prelude and fuga
Vassil Kazandjiev, Toccata

DOMENICA 4

Orlando …

Brandelli Di Fughe Follie Nitriti E Clopete Clopete
Senio G.B. Dattena, regia e interpretazione; Alessandro Cau, percussioni; Daniele Ledda, musiche ed elaborazioni elettroniche; Mariano Corda, scultura

Tra teatro e cinema...
Continua la collaborazione tra il Teatro Stabile della Sardegna e la Cineteca sarda con due proiezioni.
Il 7 novembre alle 21 presso i locali della Cineteca in  Viale Trieste 118-126, verrà proposto il film di Truffaut in lingua originale "L'ultimo metrò".
Il 12 novembre sarà la volta del film di Costa Gravas "Il cacciatore di teste". 
L'appuntamento è fissato sempre alle 21 nella sala Minimax del Teatro Massimo.
L'ingresso è libero. 


Dal 6 fino al 11 novembre appuntamento con la scienza con la quinta edizione del Festival della scienza.
Il programma prevede laboratori, mostre, visite guidate, seminari e spettacoli.
Potete consultare il programma dettagliato cliccando qui: programma.


Passiamo ora alla categoria CORSI.
Per coloro che vogliono apprendere una lingua straniera e conoscere altre culture, vi segnalo due proposte:
L'Associazione Amicizia Sardegna-Palestina propone un Corso Elementare di Arabo per principianti assoluti tenuto dal docente Marco Ammar, esperto di lingua presso l'Università di Cagliari.


La durata delle lezioni verrà stabilita in base al numero e alle esigenze degli iscritti.

Il costo d'iscrizione varierà in base alle adesioni.


Programma didattico

• Alfabetizzazione

• Sistema di traslitterazione

• Esercizi di scrittura e lettura

• Sessioni di ascolto

• Pronuncia

• Fraseologia

• Elementi di arabo parlato
I corsi sono già iniziati ma potete chiedere se accettano ancora adesioni.

Inizieranno invece il 6 novembre i corsi di lingua russa organizzati dall'associazione Sardegna-Bielorussia.
Le lezioni per principianti si terranno ogni martedì e giovedì dalle 19:00 alle 21:00 presso il Consolato Bielorusso in Sardegna in Via Lanusei, 29 Cagliari
Il corso ha una durata totale di 50 ore (25 lezioni da due ore) e verrà svolto da un'insegnante professionista madre lingua con esperienza di insegnamento universitario.

Sempre il 6 novembre (occorrerà avere il dono dell'ubiquità per partecipare a tutti gli eventi!) prende il via la rassegna cinematografica "I geni e le stelle" che propone fino al 6 dicembre alcuni appuntamenti con il cinema fantascientifico.
La manifestazione è curata dal Master in comunicazione della scienza dell'Università di Cagliari in collaborazione con la Cineteca sarda.

Martedì 6 novembre h 20,30: GATTACA E LA PORTA DELL’UNIVERSO
(regia di Andrew Niccol. Con Ethan Hawke, Uma Thurman, Jude Law. Usa, 1997)
Mercoledì 14 novembre h20,30: MOON
(regia di Dunkan Jones. Con Sam Rockwell. Uk, 2009)
Mercoledì 21 novembre h 20,30: CONTACT
(regia Robert Zemeckis. Con Jodie Foster, Mattew McConaughey. Usa,1997)
Venerdì 30 novembre h 20,30: SUNSHINE
(regia di Danny Boyle. Con Cillian Murphy, Hiroyuki Sanada, Michelle Yeoh. Uk, 2009)
Giovedì 6 dicembre h 20,30: Dr CREATOR
(regia di Ivan Passer. Con Peter O’Toole, Vincent Spano, Virginia Madsen. Usa, 1995)
 
Tutte le proiezioni avranno inizio alle ore 20:30 nei locali della Società Umanitaria in V.le Trieste 126 a Cagliari.

AD MAIORA!

LINUX DAY 2012

Oggi 27 ottobre si terrà in tutta Italia la dodicesima giornata di LINUX DAY. L'edizione di quest'anno ha come tema: "Il Software Libero nella Piccola e Media Impresa".
Tutto questo mentre i media danno ampio risalto all'uscita di Windows 8 e sottolineano, come se ce ne fosse bisogno, che il 90% dei PC di tutto il mondo funziona grazie al sistema operativo della Microsoft.
Bene, se nonostante queste premesse, avete voglia di scoprire il sistema operativo Linux oggi è la giornata giusta.
Sulla pagina web http://www.linuxday.it/  trovate l'elenco di tutte le iniziative organizzate nelle diverse città e se non volete arrivare impreparati vi consiglio due modi per installare Linux sul vostro computer.
Di Linux esistono diverse versioni, Debian, Red Hat, Slackware...
Tra le distribuzioni più diffuse troviamo Ubuntu che riscuote parecchio successo per la facilità di installazione e di utilizzo e risulta quindi adatta per un primo approccio.
Per gli utenti che utilizzano un PC con installato un sistema operativo Windows, il modo più semplice cimentarsi con Linux Ubuntu è quello di utilizzarlo come "applicazione" con Wubi.
Seguendo le istruzioni (in inglese o in italiano), non avrete difficoltà a configurare il sistema.
Ad ogni avvio il computer vi chiederà quale sistema operativo preferite utilizzare, Windows oppure Linux.
In alternativa, potete utilizzare Ubuntu (o qualsiasi altra versione di Linux, quello che diremo vale per tutte le distribuzioni commerciali) su una macchina virtuale ovvero un software che, semplifico, funziona come un computer (virtuale), simula il comportamento di un calcolatore reale senza che questo abbia influenza o modifichi le impostazioni del vostro PC reale.
Vi consiglio di usare VirtualBox della Oracle.
Per coloro che usano Windows l'applicativo da installare è il file .exe denominato: VirtualBox 4.2.2 for Windows hosts  x86/amd64
A questo punto scaricate la versione .iso di Linux Ubuntu  sul vostro computer e conservatela in una cartella dove preferite.
Ora siete pronti per installare il sistema operativo sulla vostra macchina virtuale seguendo i seguenti passi:

cliccate su NUOVA
seguite gli step successivi e se non siete esperti, vi consiglio di non modificare le impostazioni consigliate, memoria di 512 MB e spazio su disco di 8 GB
cliccate su AVANTI
Crea subito un disco fisso virtuale --> CREA
cliccate su AVANTI
scegliete l'allocazione dinamica cliccando su AVANTI

cliccate su CREA
 a questo punto sarete ricondotti alla schermata iniziale;
cliccate su IMPOSTAZIONI--> ARCHIVIAZIONE
 cliccate su VUOTO
cercate sul vostro PC il file .iso con la versione di Ubuntu precedentemente scaricata e caricatelo nel menù a tendina che compare in alto a destra con l'icona di un dischetto
 cliccate su OK
Partirà l'installazione che durerà un bel po' e durante la quale vi verrà chiesto qdi scegliere la lingua, il tipo di tastiera, se volete o meno ricevere gli aggiornamenti.
Al termine vi verrà richiesto di riavviare il sistema.
Riavviate VirtulBox, andate su IMPOSTAZIONI; cliccate in alto a destro sull'icona del dischetto dove compare un menù a tendina e scegliete l'opzione "Rimuovi disco dal lettore virtuale"
cliccate su OK.
Sarete riportati alla schermata principale della macchina virtuale.
Cliccate su AVVIA  e finalmente potrete scoprire il vostro nuovo sistema operativo.

Buon Linux day!

AD MAIORA!   

INCONTRI D'AFFRICA

Vento d'Africa.
E' quello che ha soffiato due settimane fa a Cagliari per la prima edizione di Incontri d'Affrica, una tre giorni di parole e musica, proiezioni di documentari e dibattiti curata con gusto e competenza e condotta con professionalità e misura.
Teatro della manifestazione, l'Hostal Marina che dalla sua inaugurazione non ha mai smesso di accogliere e proporre momenti musicali, cinematografici e di intrattenimento di ispirazione multiculturale e di respiro internazionale.
Il programma degli incontri è stato denso ed emotivamente coinvolgente con preziosi spazi di dibattito con registi (Carlotta Piccinini,Clio Sozzani) operatori (Giulia Olmi del CISP – Comitato Internazionale Sviluppo dei Popoli, Mattia Diurli, organizzatore della Sahara Marathon), poeti (Luali Lahsen Salama, membro della Generación de la Amistad Saharaui, movimento di poeti creato a Madrid nel 2005), blogger (Lina Ben Mhenni).
La proiezione del documentario “Jeans & Martò”, di Clio Sozzani e Claudia Palazzi, vincitore di numerosi premi e già acquistato dal canale Sky BabelTv, ha dato il via alla manifestazione con la storia di Roba, un giovane ragazzo etiope che la sua comunità considera “strano” a causa della sua passione per lo studio.
Per poter coronare il sogno di conseguire la laurea, Roba dovrà affrontare molti ostacoli e vincere le resistenze psicologiche della sua famiglia e i sensi di colpa che accompagnano chiunque abbia il coraggio di percorrere strade poco battute.
 Trailer di "Jeans & Martò"
Questa la sinossi, come direbbero gli addetti ai lavori, ma il vero punto forte del lavoro delle registe sono le inquadrature dei paesaggi e dei protagonisti.
Più del parlato, che come confida Clio Sozzani, presente alla proiezione, a lungo andare può risultare noioso, il compiti più delicato della regia è riuscire a trasmettere l'emozione dell'attimo.
 Clio Sozzani e Annalisa Addis
Una produzione, quella di "Jeans & Martò",durata tre anni durante i quali la Sozzani ha seguito il percorso di Roba e ne ha filmato i momenti più significativi.
Roba attualmente sta seguendo un master in Italia finanziato da Carlo Petrini, presidente di Slow food, con il quale sta anche collaborando a un progetto imprenditoriale da realizzare tra la sua comunità, i karrayu, per la commercializzazione del latte di cammella e la creazione di una produzione di prodotti caseari a base di latte di cammello, attualmete assente in Etiopia.
Mi piace parlarne in coincidenza della nona edizione dell biennale Terra Madre in corso a Torino fino a lunedì. La direzione che ha preso la vita di Roba è infatti strettamente legata alla città piemontese, a Terra madre e a Slow food ma a questo punto mi rendo conto che vi sto svelando troppo della storia e vi rimando alla visione del bel documentario.
Roba è ora un giovane istruito e cittadino del mondo con tante passioni e abitudini in comune a molti suoi coetanei compreso il modo di vestire casual in jeans e felpa ma quando ritorna a casa, non dimentica mai di indossare il suo martò, il costume tradizionale della sua gente.
Più duro il tema trattato in "1514 Le nuvole non si fermano", di Carlotta Piccinini, ma la difficoltà del soggetto non ha scoraggiato la giovane regista che ha trattato l'argomento in modo asciutto e senza retorica, 54 minuti intensi resi ancora più coinvolgenti dalla scelta di musiche bellissime e trascinanti.
 Da sinistra: Giulia Olmi,Mattia Diurli,Carlotta Piccinini,Luali Lahsen Salama, Marisa Fois
La storia della popolazione Saharawi così ben raccontata è stata una sorpresa per il pubblico (numerosissimo, probabilmente al di là delle aspettative degli organizzatori) presente in sala.
L'apprensione per le sorti della nostra conterranea Rossella Urru, operatrice del CISP nei campi profughi Saharawi, ha occupato la nostra attenzione e impedito ai più di approfondire la vicenda della popolazione Saharawi.
Un popolo che aspetta da 37 anni un referendum che gli consenta di applicare la risoluzione delle Nazioni Unite 1514/60 (da cui il titolo del documentario), sull’autodeterminazione dei popoli e dei paesi sottoposti a dominio coloniale e di esprimere la propria opinione sulle sorti della Repubblica Democratica Araba Sahrawi – RASD e di riavere il proprio territorio, quello del Sahara occidentale, occupato dalla Spagna durante il periodo coloniale e ora dal Marocco.
Nei territori occupati del Sahara occidentale vive ancora una minoranza della popolazione Saharawi che non è riuscita a scappare nei campi profughi in Algeria ed è proprio qui che ha preso inizio il movimento che ha portato successivamente alla primavera araba.
Infatti nell'ottobre del 2010 un gruppo appartenete alla comunità Saharawi ha dato vita a una protesta per rivendicare alcuni diritti di uguaglianza sociale fino a quel moneto negati.

1514 Le nuvole non si fermano - PROMO from Visuallab on Vimeo.

Sappiamo il ruolo fondamentale che internet ha avuto nel comunicare al mondo la rivoluzione in atto nel mondo arabo. Sempre attraverso internet possiamo tenerci aggiornati sulla situazione della popolazione Saharawi: http://www.saharawi.orghttp://www.saharamarathon.org/, http://www.sardegna-saharawi.it/ sono dei punti di riferimento con notizie e iniziative.
In particolare http://www.saharamarathon.org/ vi permette di partecipare alla Sahara Marathon, maratona di solidarietà con il popolo Saharawi e di trascorrere una settimana nei campi profughi in Algeria per conoscere da vicino la vita di questo popolo.
La maratona è alla dodicesima edizione e si svolge ogni anno a febbraio, mese simbolico per iSaharawi perchè coincidente (27 febbraio 1976), con la proclamazione dellaRepubblica Democratica Araba Sahrawi.
Incontri d'Affrica ha concluso le sue giornate di iniziative passando il testimone ad Alig'art di cui vi ho parlato anche lo scorso anno (http://admaiorasemper.blogspot.it/2011/11/aligart-2011-arte-riciclo-per-labitare.html).
Il tema di quest'anno è dedicato alla figura di Thomas Sankara,1° Presidente del Burkina Faso e leader carismatico, di cui quest'anno ricorre il venticinquesimo anniversario della morte e che ha ispirato artisti e musicisti, una su tutti, la cantautrice Fiorella Mannoia che ha dedicato il suo tour Sud proprio a Sankara.
L'ultimo fine settimana del festival è tutto da vivere con incontri, laboratori, mostre e concerti.

SETTIMANA DEL PIANETA TERRA

Vi segnalo una bella iniziativa che coinvolge tutta la penisola.
Si tratta della settimana del Pianeta Terra, l'Italia alla scoperta della geoscienza, promossa dalla Onlus Geoitalia Federazione di Scienze della Terra.
Otto giorni, da domenica a domenica, dedicati al nostro patrimonio geologico, alla natura e al sapere scientifico.

Per conoscere iniziative ed eventi organizzati nella vostra città o nelle sue vicinanze, potete consultare il sito: 
http://www.settimanaterra.org/
Questo è il programma dettagliato per la città di Cagliari: 
CAGLIARI - I COLORI DELLA TERRA

 

AD MAIORA!

Cagliari Studi aperti 2012

Si conclude questa sera la prima edizione della manifestazione "Studi aperti Cagliari".
L'iniziativa nasce dalla determinazione degli artisti che lavorano nella zona di Castello che da anni sono in prima linea per la riqualificazione dell'antico quartiere e il rilancio della sua immagine.
"Studi aperti" è un'esperianza consolidata in altre città italiane e prevede l'apertura simultanea al pubblico di numerosi studi d'arte.
A Cagliari l'evento è al suo debutto ma ha già raccolto l'interesse degli abitanti e dei turisti in visita in città.
Un'opportunità unica per conoscere da vicino il lavoro di artisti e artigiani la cui produzione è spesso conosciuta solo dagli addetti ai lavori.
Capita così che passeggiando tra le vie di Castello si rimanga folgorati dall'uso del colore con cui Piero Ligas (via Lamarmora, 1) riempe i suoi quadri. Una breve chiacchierata con l'artista è l'occasione per capire da dove tragga ispirazione in bilico tra studi giovanili, galeotto fu un libro sul grande artista catalano Mirò, e le esperienze di vita quotidiana, una per tutte, l'osservazione delle vetrate colorate.
All'ingresso dello studio Ligas si viene accolti da alcune colonne in acciaio costituite da cubi rotanti dipinti con la tecnica di olio su tela, opere cangianti che pur seguendo un filo conduttore, offrono la possibilità, grazie al ruotare dei cubi, di regalare agli occhi una visione differente ogni volta che si vuole.
Lascio via Lamarmora per girovagare nel quartiere alla ricerca di altre suggestioni rischiando di perdermi tra le bancarelle del bastione dove alcuni artigiani espongono bijoux e dipinti su pietra e ceramica.
Il programma, gentilmente fornito dallo studio fotografico S'Umbra (di cui vi ho parlato più volte) mi ricorda che ho ancora tante botteghe da visitare.
Una delle mie preferite è costituito dallo studio di Anna Lisa Carta (via Università, 14): i suoi quadri sono stupendi, i paesaggi marini fanno sognare e tra le nature morte, il macinino da caffè proietta in un'altra epoca fatta di ritmi lenti e di profumi delicati. Particolarissimi i dipinti su sughero, produzione originale e difficile da realizzare per la proprietà del sughero di assorbire il colore, come mi ha fatto notare l'artista con grazia e competenza.

Studi aperti continua questa sera:
Programma Studi Aperti Cagliari 7-8-9 Settembre 2012 (1) e con un concorso fotografico il cui regolamento è consultabile seguendo il seguente link: concorso fotografico.
In attesa della prossima edizione, le cartoline con le foto delle loro opere che gli artisti regalano alla fine della visita ai propri studi d'arte, vi terranno compagnia fino al prossimo anno.

AD MAIORA!

La musica silenziosa di John Cage

Chissà quali emozioni avrà provato il pubblico presente al concerto che il compositore John Cage tenne il 29 agosto 1952 alla Maverick Concert Hall nello stato di New York.
Probabilmente stupore e incredulità, esattamente le stesse sensazioni che ho provato io stessa quando il mio insegnante di solfeggio, il maestro Adriano Orrù, mi ha parlato di un' opera originale e unica nella storia della musica, un'opera silenziosa.
Durante quell'esibizione di fine estate infatti, il pianista David Tudor eseguì la singolare composizione in tre movimenti per qualsiasi strumento  4'33''  scritta da Cage.
Tudor si sedette al pianoforte, aprì il coperchio della tastiera e lo richiuse immediatamente, ripetendo il gesto per segnalare l'inizio e la fine di ciascun movimento:
http://www.youtube.com/watch?v=HypmW4Yd7SY
Tra pochi giorni, il 5 settembre, ricorre il centenario della nascita del musista americano.
Le celebrazioni in tutto il mondo sono già iniziate e si possono consultare nella pagina ufficiale dedicata a Cage: Celebrazioni.
Nello stesso sito web è anche possibile scaricare gratuitamente un'applicazione per smartphone che farà la gioia degli appassionati: applicazione.
C'è da scommettere che Google non perderà l'occasione di commemorare la giornata con uno dei suoi famosi doodles. Staremo a vedere ;-)
Tra gli appuntamenti da non perdere vi segnalo che Radio3Rai, sempre attenta e presente ai grandi appuntamenti con la musica, l'arte, la scienza e la letteratura, dedicherà la programmazione di mercoledì prossimo al compositore americano con uno speciale dal titolo: "Buon compleanno Cage".
A Cagliari, fino al 5 settembre si terrà: Imaginary Landscapes, omaggio a John Cage in occasione del centenario della nascita. 
Il programma per i prossimi giorni prevede:

3 SETTEMBRE
ore 21 - doppio concerto:

Spaziomusica Ensemble 
Enrico Di Felice, flauti 
Riccardo Leone, pianoforte
Roberto Pellegrini, percussioni 

J. Cage VARIATIONS II - flauto, pianoforte, percussioni
J. Cage VARIATIONS II - flauto solo
J. Cage VARIATIONS II - piano solo
J. Cage TWO – flauto, pianoforte
J. Cage VARIATIONS II - percussione solo
J. Cage VARIATIONS II - flauto, pianoforte, percussioni

Elettroflebo
Sergio Mattana Batteria, percussioni, tastiere
Maurizio Marzo Chitarra Elettrica
Roberto Migoni Vibrafono, Xilofono
Stefano Colombelli Basso elettrico
Mauro Laconi Chitarra Elettrica
Marco Caredda Tastiere, Percussioni, Xilofono

Sergio Mattana Rapsodia Bin Laden - 
Frank Zappa The Black Page #1 - 
Frank Zappa The Black Page #2 - 
Sergio Mattana Walking on the snakes 
Igor stravinskij Berceuse (l'oiseau de feu) - 
John Cage 4:33 
Sergio Mattana Nautilus - Sergio Mattana


4 SETTEMBRE

ore 21 

Carlo Boccadoro, pianoforte

John Cage Sonate e interludi per pianoforte preparato (1948)

5 SETTEMBRE

ore 11 - Presentazione del CD DRUMMING (Steve Reich)

ore 21 

Modular Quartet:
Marco Caredda
Francesco Ciminiello
Roberto Migoni
Roberto Pellegrini

David Lang The So-Called Laws of Nature (2002)
John Cage / Lou Harrison Double Music (1941)
John Cage Third Construction (1941)
John Cage 4'33" (1952)



DOVE:


Sala conferenze del Parco Molentargius Saline. Via La Palma Cagliari
Ingresso € 5,00 ridotto studenti € 4,00 Abbonamento € 15,00 ridotto € 12,00


 


AD MAIORA!